world map bianco 800x400

 

 

Finanza malvagia, mala informazione, brexit - Simone Lombardini

Ospite di Carlo Savegnago SIMONE LOMBARDINI dell’Università di Genova, esperto di politica internazionale, membro del comitato nazionale “No guerra No NATO”

“Scientocrazia: la scienza come vincolo esterno (parte II)” è il nome dell'incontro tenutosi il 14 dicembre presso il Symposion di Roma. A introdurre la conferenza Maria Micaela Bartolucci, insegnante e co-fondatrice di “Frontiere” un blog di idee contro la mondializzazione.

Il 20 novembre, nell'ambito del Caffè Letterario Horafelix a Roma, Byoblu ha ripreso l'incontro "Scientocrazia: la scienza come vincolo esterno", introdotto da Maria Micaela Bartolucci, in cui sono intervenuti in qualità di relatori:
- Enzo Pennetta - La scienza come dogma: un percorso storico;
- Paolo Gibilisco - Unire dietro la scienza: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare tramite l'ossicitina;
- Pier Paolo Dal Monte - Biopolitica o zootecnia? La dottrina della doppia verità.

Aleksandr Dugin è uno dei pensatori più influenti del pianeta. Filosofo dalla cultura erudita, viene spesso dipinto dai media occidentali come il "Rasputin di Putin".

Appuntamento con i temi di geopolitica, i fatti internazionali e le breaking news più importanti del mese. Ospite di Carlo Savegnago SIMONE LOMBARDINI dell’Università di Genova-Dipartimento Ricerca, esperto di politica internazionale, membro del “Comitato No guerra No NATO”.

"Questa #sinistra non pensa più al conflitto tra #capitale e #lavoro, è una sinistra #globalizzata che flirta con #banche e poteri forti. Io non sono di sinistra, sono #comunista".

A 'Lavori in corso' è intervenuto #MarcoRizzo, segretario del Partito Comunista.

Operazioni nucleari in Italia; ecco quello che ci viene nascosto
L’aggiornamento mensile sui principali fatti di politica internazionale, ospite SIMONE LOMBARDINI del dipartimento di economia dell’Università di Genova, esperto di politica internazionale e membro del comitato “No guerra no NATO”

Il giornalista, analista e ricercatore Edoardo Gagliardi, dipinge su Byoblu il quadro più lucido sul Nuovo Potere che sta emergendo in Europa e nel mondo, sulle tecniche che usa e sulle sue finalità. Se non innalziamo il livello di guardia, potremmo non essere più in grado di reagire.

Il Muro di Berlino costituisce la metafora e la sintesi dell'intera Guerra Fredda. E' uno dei principali fondamenti della sconfitta definitiva del socialismo reale, di fronte ala straordinaria capacità affabulatrice del capitalismo nella sua fase matura. Ma il muro segna anche, al tempo stesso, l'inizio della manipolazione di massa, in forme nuove rispetto al passato, e il mutamento radicale delle stesse forme della competizione geopolitica.
INTERVISTA A GIULIETTO CHIESA a cura di Margherita Furlan
Traduzione in inglese a cura di Debora Blake e Leni Remedios
Editing Santiago Martinez de Aguirre

La lotta contro il terrorismo internazionale? E’ finita. Le più grandi minacce per gli Stati Uniti? Russia e Cina. Una guerra mondiale? Bisogna prepararsi, perché sta arrivando e farà moltissime vittime nella popolazione civile. Tutte e tre queste drammatiche asserzioni si trovano in un recente documento del Pentagono, che lascia poco spazio all’interpretazione nel farci capire le prossime mosse della potenza americana. Ad esempio, diventa chiaro il motivo per cui politici e commentatori di mezza Europa (e Italia) si sono stracciati le vesti all’idea che l’Italia aderisse al progetto cinese della Via della Seta; e inoltre, la prospettiva di una guerra ci pone in prima linea perché, come altri Paesi europei, abbiamo installazioni nucleari sul nostro territorio e quindi diventiamo un obiettivo. Nell’analisi che Giulietto Chiesa ha proposto su Byoblu, il quadro geopolitico del momento: include Nato, Libia, Siria, cosa ci attende per il futuro? Siamo destinati a restare vaso di coccio tra i vasi di ferro?

Sottocategorie

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.