Il 28 agosto la Lettonia aveva respinto la richiesta di registrazione dell'agenzia giornalistica internazionale “Rossija Segodnja”, presente in molti paesi dell'Unione Europea. Il 22 ottobre il Notaio responsabile del registro delle imprese della Lettonia ha respinto la richiesta di annullare tale decisione. “Il rifiuto della registrazione e' legato ai contenuti dell'agenzia, i quali sono in contrasto con la Costituzione della Lettonia e con la posizione ufficiale del governo del paese”, ha dichiarato giovedi' il rappresentante del registro delle imprese Evija Ivdra.
Sempre ieri il Consiglio nazionale dei mass media elettronici della Lettonia ha emesso una multa di diecimila euro nei confronti dell'emittente televisiva “Primo canale baltico” per aver ritrasmesso un programma d'informazioni della tivu' russa e la sua copertura unilaterale del conflitto in Ucraina. Piu' precisamente, il Consiglio ha condannato la trasmissione, nelle news del 16 febbraio, delle dichiarazioni di alcuni esponenti della Repubblica Popolare di Donetsk, rei di aver definito le autorita' di Kiev una “giunta" golpista e di averle accusate di non rispettare gli accordi di Minsk.
In passato era stata la Lituania a decidere per una parziale censura delle trasmissioni del Primo canale baltico. Il ministero degli Esteri della Federazione Russa aveva dichiarato di ritenere tale divieto una grave violazione degli obblighi internazionali di Vilnius e di attendere la reazione di Bruxelles e dell'OSCE.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.