Italia 90, storia dell'inchiesta del Tg1 che fece tremare l'Italia

Estate 1990, stagione di mondiali di calcio e di giornalismo investigativo. Tra il 28 giugno e il 2 luglio il Tg1 manda in onda in 4 puntate una clamorosa inchiesta dell'inviato Ennio Remondino. Il 3 luglio, nello Stadio San Paolo di Napoli la nazionale di calcio affronta l'Argentina di Diego Armando Maradona e si gioca ai rigori l'accesso alla finale di Roma. Per la prima volta da oltre cinquantanni l'Italia del pallone ha la possibilità di mettere le mani sulla coppa di fronte al suo pubblico, un intero Paese è sintonizzato su Raiuno. Negli stessi giorni il telegiornale del principale canale televisivo italiano racconta i retroscena di anni di Guerra Fredda, dell'omicidio del Premier svedese Olof Palme, della nascita della Strategia della Tensione. Remondino rintraccia a Ginevra un uomo dai mille nomi e senza volto, un misterioso ex agente della Cia che sa molto di trame occulte e controspionaggio. L'uomo è in una camera dalbergo, prende la federa di un cuscino, ritaglia tre fessure per gli occhi e per la bocca, si copre il volto e comincia a parlare.
Quello che racconta farà tremare molti governi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.