economy bianco 500x500

 

"L'economia mondiale è la più efficiente espressione del crimine organizzato. Gli organismi internazionali che controllano valute, mercati e credito praticano il terrorismo internazionale contro i paesi poveri e contro i poveri di tutti i paesi con tale gelida professionalità da far arrossire il più esperto dei bombaroli."

(Eduardo Galeano)

 

Abbiamo fatto quest'intervista a Luciano Gallino il 27 Aprile 2015, pochi mesi prima della sua scomparsa. Volevamo utilizzarla per il nostro documentario "Lasciateci Fare - Vol 1", ma la complessità dei contenuti argomentati da Gallino in quest'intervista ha reso molto duro il nostro lavoro. Alla fine, abbiamo preferito usare degli estratti di una sua intervista tratta da un altro documentario, "The Last Farmer".

Riforma del MES per toglierci i nostri risparmi - Simone Lombardini

Appuntamento con i temi di geopolitica, i fatti internazionali e le breaking news più importanti del mese. Ospite di Carlo Savegnago SIMONE LOMBARDINI dell’Università di Genova-Dipartimento Ricerca, esperto di politica internazionale, membro del “Comitato No guerra No NATO”.

Qual è la posizione del Movimento 5 Stelle sul MES? E cosa sta succedendo tra Trump e Macron, che litigano sulla Nato? Ne parliamo con Raphael Raduzzi (M5S), l'economista Emiliano Brancaccio, l'economista Roberto Sommella direttore di "Milano Finanza", lo stratega esperto di politica internazionale Edward Luttwak e il filosofo russo che qualcuno dice sia l'ideologo di Putin: Aleksandr Gel'evič Dugin.

In Parlamento si consuma la deposizione dell'imputato Giuseppe Conte sul negoziato del MES, e l'arringa dei pubblici ministeri Meloni, Salvini e Molinari. Difensori d'ufficio: Marattin e Delrio. M5S invita a mettere centro il Parlamento. Ma c'è chi invoca le dimissioni dell'Avvocato degli italiani, con l'accusa di svenderci alle banche tedesche.

In studio con Claudio Messora e Francesco Toscano si sono collegati per parlare del MES e della giornata del Parlamento: Paolo Becchi, Marco Rizzo, Guido Salerno Aletta, Claudio Borghi, Francesco Amodeo e Guido Crosetto.

Claudio Borghi Aquilini si collega con il #TgTalk di Byoblu alle 19, dopo la giornata incandescente alla Camera per l'intervento del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, venuto a riferire sul MES, e fa le prime rilevazioni su quello che realmente successe il 15 giugno, quando Giuseppe Conte sostiene di avere mostrato il testo del MES agli ex alleati di Governo.

Infuria la battaglia politica. Roma è in fiamme. La lega accusa Giuseppe Conte di avere tradito il Parlamento. Gualtieri si lascia sfuggire che la ristrutturazione del debito automatica la voleva la Germania. Poi aggiunge che il Mes non si può più cambiare. Bagnai risponde piccato. Borghi suggerisce all'avvocato del popolo di trovarsi un avvocato lui. Tafferugli in aula. Ai critici si aggiungono Forza Italia, Fratelli d'Italia e non solo: il malcontento serpeggia anche all'interno del Movimento 5 Stelle. È in corso una riunione congiunta a Montecitorio con il capo politico, Di Maio.

Del #MES, il Meccanismo europeo di stabilità detto anche #Fondo #salvaStati, il deputato leghista Claudio #Borghi aveva detto che avrebbe messo profondamente in #crisi l'#Italia. Questo già a giugno scorso, in piena incubazione di quella che poi è diventata ufficialmente la crisi del governo giallo-verde.
A distanza di mesi, e con un governo che ha cambiato sfumatura di colore ma non Presidente del Consiglio, che cosa ne pensa il Presidente della Commissione #Bilancio della Camera?
Stefano Molinari lo ha chiesto proprio a lui durante la diretta di 'Lavori in corso'. Ecco cosa ha risposto.
Intervista all'Onorevole Claudio Borghi Aquilini (#Lega)

Il Meccanismo europeo di stabilità (MES), detto anche Fondo salva-Stati è un'organizzazione internazionale a carattere regionale nata come fondo finanziario europeo per la stabilità finanziaria della zona euro (art. 3).

Sottocategorie

 

banche governo popolo

 

"Senza la Sovranità Monetaria le nuove generazioni non avranno altra scelta che quella tra il suicidio e la disperazione"
(Prof. Giacinto Auriti)

 

 

 

decrescita

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.