• Incontro con FERDINANDO IMPOSIMATO e presentazione del libro "I 55 giorni che hanno cambiato l'Italia". Perché Aldo Moro doveva morire? La storia vera...

  • Intervista di Stefania Limiti al professor Nino Galloni per il Convegno tenuto a Catania il 12 gennaio 2016, Auditorium dei Benedettini, dal titolo: “Le verità nascoste: Aldo Moro, Pier Santi Mattarella, Pio Latorre”

  • Intervista a Solange Manfredi e Alessio di Benedetto da parte del david icke meetup 20/02/2010

  • Parla l'ex generale che era ai vertici dei servizi segreti italiani durante gli anni di piombo.

  • Giovanni Turone, giudice emerito della Corte di Cassazione, è stato da magistrato tra i protagonisti della terribile stagione politica che va dal 1978 al 1980. Un triennio macchiato dalle uccisioni di Aldo Moro, Mino Pecorelli, Michele Sindona, Giorgio Ambrosoli, Piersanti Mattarella, Mario Amato, dalla strage di Bologna e dalla P2. In Italia occulta (Chiarelettere, 2019), Turone ricostruisce di quel triennio terribile trame eversive, complotti e atrocità rimaste in molti casi senza giustizia. Solo grazie al sacrificio di valorosi funzionari dello stato e al coraggio di politici come Tina Anselmi l’Italia è uscita da quella stagione rimanendo un paese libero. A ripercorrere con Turone questo viaggio nel buio passato del nostro paese ci saranno Fausto Cardella, procuratore generale dell’Umbria, la giornalista Stefania Limiti e Davide Vecchi, direttore del Corriere dell’Umbria.
    Con: Fausto Cardella (procuratore generale Umbria), Stefania Limiti (giornalista e scrittrice), Giuliano Turone (giudice emerito Corte di Cassazione), Davide Vecchi (direttore Corriere dell’Umbria), Davide Vecchi

  • Giovanni Fasanella :" Il puzzle Moro" Ediz. Chiare Lettere 2018 Gary Allen :" Nessuno osi chiamarla cospirazione" Edizioni Capire Roma ( tradotto da Pucciarelli in italiano
    Daniel Yergin :" The price"
    Solange Manfredi "Psyop"
    Gian Paolo Puccirelli:"Segreto novecento" capire edizione Roma

  • Giovedì 4 ottobre, la Sala Koch di Palazzo Madama ha ospitato la presentazione del libro "Moro, il caso non è chiuso. La verità non detta", di Maria Antonietta Calabrò e Giuseppe Fioroni. E' intervenuto il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

  • Presentazione del libro di Paolo Cucchiarelli "Morte di un Presidente. Quello che né lo Stato né le BR hanno mai raccontato sulla prigionia e l'assassinio di Aldo Moro", Ed. Ponte alle Grazie, Roma venerdì 7 ottobre 2016. Dibattito organizzato da Ponte alle Grazie.
    Sono intervenuti: Marco Damilano (vice direttore de L'Espresso), Paolo Cucchiarelli (scrittore e giornalista), Giuseppe Fioroni (deputato, Partito Democratico).

  • Dichiarazioni scioccanti dell'ex Vice Presidente del CSM Giovanni Galloni.

    Moro non è stato ucciso dalle BR, o forse era solo copertura di MOSSAD e CIA

  • EP 1 - Dagli inizi, alla fase dello stragismo, fino all'avvertimento ufficiale di Kissinger.

  • Ep 2 - Dalle minacce del Presidente Usa Harry Kissinger fino all'incrocio tra via Fani e via Stresa a Roma, la strada è breve ma disseminata di angoli oscuri.. Oggi non più così scuri. In questo secondo appuntamento con Gero Grassi vengono alla luce le condizioni e le persone che hanno portato Aldo Moro e la sua scorta verso una sorte annunciata da segnali espliciti deliberatamente ignorati.

  • Ep. 3 - Il 16 marzo del '78 noi ragazzi, poco più che ventenni, vissuti senza l'incubo della guerra, vissuti nella libertà e nella democrazia, diventiamo immediatamente vecchi e iniziamo ad avere paura del futuro. Gero Grassi racconta il rapimento di Aldo Moro, avvenuto alle 9 del mattino del 16 Marzo 1978, in via Fani.

  • Ep. 4 - Perché lo Stato non trattò con le BR per la liberazione di Aldo Moro? Durante i 55 giorni della sua prigionia, episodi scandalosi e inquietanti si susseguono fra attese logoranti e momenti concitati. Gli interessi delle maggiori potenze mondiali si intersecano in via Gradoli imponendosi con prepotenza sulle vicende italiane. Il quarto appuntamento con Gero Grassi aggiunge nuovi tasselli al quadro giudiziario emerso dalla Commissione Moro 2.

  • ep. 5: Chi ha le bobine di Aldo Moro? Come mai vengono ancora tenute nascoste? Dal ritrovamento del suo cadavere nella R4 rossa, in via Caetani, fino alle indagini del Generale Dalla Chiesa e all’anomalia del "memoriale Moro", in quest'ultimo appuntamento con Gero Grassi e con #theMOROfiles riviviamo le ultime ore di vita del Presidente della DC ed i quarant'anni di indagini che hanno seguito quei momenti, dimostrando come la realtà dei fatti smentisca del tutto la verità di comodo che - ancora oggi - viene propagandata attraverso i media di regime.

  • Un atomo di verità
    Marco Damilano racconta Aldo Moro

  • Il sequestro di Aldo Moro ha segnato la fine di una generazione, la sua morte il tramonto della Repubblica. Marco Damilano ha deciso di tornare a quell'istante, per indagare le traiettorie che, a partire da uno dei capitoli più cupi della storia italiana, si sono dispiegate fino a oggi. Con l'aiuto delle carte personali di Moro, in gran parte conservate nell'archivio privato di Sergio Flamigni e non dallo stato, e rimaste inedite, getta luce sul punto in cui la drastica interruzione di una stagione politica si incontra con le vicende personali di una generazione, che tra il 16 marzo e il 9 maggio 1978 assiste alla fine di un'epoca. Dopo via Fani, secondo Damilano, comincia la lunga fine della Prima Repubblica. Un racconto autobiografico che attraversa la dissoluzione della DC, la morte di Berlinguer, la caduta del Muro, Tangentopoli e la latitanza di Craxi in Tunisia, fino all'ultima stagione, inaugurata dalla sua metafora televisiva: il Grande Fratello. Arriva a Berlusconi, a Grillo e a Renzi, i protagonisti di una politica che da orizzonte di senso e di speranza si è fatta narcisismo e nichilismo, cedendo alla paura e alla rabbia. Con: Marco Damilano (direttore L'Espresso)Marco Damilano

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.